“ZenzeroZenzeroZenzero di Saviano: finalmente un testo che ti sana!”

Dopo una riunione nei salotti dell'editoria è ora in uscita il nuovo testo dell'autore campano

251
Roberto Saviano

“ZenzeroZenzeroZenzero di Saviano: finalmente un testo che ti sana!”

Ha lasciato molti fan a bocca aperta la notizia dell’uscita del nuovo libro di Saviano dal titolo “ZenzeroZenzeroZenzero”, sicuramente non atteso per questo inverno.

Un lavoro certosino, in cui l’autore è andato a fondo, analizzandone i contenuti dalla radice.

“Molti lettori avevano espresso il loro rammarico per come il primo episodio si era concluso, così ho deciso di completare l’opera con questo secondo saggio ” – ha così affermato l’autore nell’intervista ufficiale rilasciata alla stampa.

Saviano ha poi aggiunto: “l’amaro in bocca del primo doveva essere in qualche modo cancellato: è stato un lavoro comunque rilassante e conciliante”.

A chi lo accusa di seguire solo una moda del momento, l’autore campano replica:”Non sono d’accordo: provate anche voi “ZenzeroZenzeroZenzero” e vedrete che è un racconto che ti sana”.

I primi lettori sono piuttosto soddisfatti e molti rimangono sorpresi da quel tocco di piccante che non guasta. “La mattina, prima di alzarmi, ne provo un po’ e la giornata assume un gusto diverso”, afferma soddisfatta una lettrice: “ha un effetto benefico, una droga insomma! Ne ho parlato con mio marito: si è incuriosito ma… sapete come sono gli uomini quando metti in discussione i loro gusti?”

C’è chi lo ha già proposto in percorsi di biblioterapia, da tardo pomeriggio o dopocena.

Insomma, un libro per tutte le ore!

Alcuni, più scettici, trovano la stesura dello stesso non ancora abbastanza matura: difficile da mandare giù per questi ultimi che evidenziano anche come, con l’avvicinarsi dell’estate, l’interesse possa calare.

Vale sempre l’espressione latina…De Gustibus Non Disputandum.

____________________________________________________________

SaTiroMancino è un contenitore di news di qualsiasi tipo palesemente alterate, modificate, inventate e ampiamente cucinate. Una community di cialtroni, in cui vige una falsa democrazia, e le decisioni vengono prese da ubriachi al termine di una rissa.