Università della California crea embrione Uomo-Pecora, e annuncia: “Presto embrione Morandi-Baglioni”

134
Baglioni e Morandi mentre duettano ognuno con se stesso

Università della California crea embrione Uomo-Pecora, e annuncia: “Presto embrione Morandi-Baglioni”

Creato per la prima volta un embrione ibrido Uomo-Pecora, in un laboratorio della UC Davis University of California. A darne l’annuncio, al meeting della American Association for the Advancement of Science di Austin, in Texas, gli scienziati della stessa università, che già un anno fa avevano realizzato, esattamente con la stessa scatola di Lego ricevuta dal figlio del rettore nel 2015 da Babbo Natale, un embrione Uomo-Maiale, simpaticamente chiamato “Soppressino” in omaggio alle vaghe origini calabresi del rettore stesso. In questo embrione, una sola cellula su 10.000 è umana, mentre nell’embrione Uomo-Maiale  la cellula umana era addirittura una su 100.000. Questo, fra l’altro, spiega il motivo per cui i due embrioni, a dispetto della loro giovane età, siano già candidati alle elezioni del 4 Marzo in Italia, uno per Forza Nuova e uno per CasaPound.

L'embrione della frittata preparata dalla signora Ross per la pausa pranzo del marito
L’embrione della frittata preparata dalla signora Ross per la pausa pranzo del marito

Si aprono quindi le porte alla possibile crescita di organi umani negli animali, fenomeno sinora osservato solo negli assessori veneti della Lega Nord. “L’uso delle pecore”, racconta il Prof. Pablo Ross, fra i membri del team di ricerca titolare di questo straordinario risultato “ha molti vantaggi rispetto al maiale. Bastano quattro embrioni, e non più cinquanta, per far iniziare una gravidanza. E ci vuole un solo medico non obiettore, e non più dieci, per interromperla. La pecora inoltre ha caratteristiche analoghe alla specie umana, ad esempio le dimensioni simili di alcuni organi, come il pancreas, e la capacità di fare si con la testa mentre Matteo Renzi dice di aver portato l’Italia fuori dalla crisi”.

Un giovane Baglioni cerca di dire con delicatezza a un altrettanto giovane Morandi che con quei capelli fa cagare
Un giovane Baglioni cerca di dire con delicatezza a un altrettanto giovane Morandi che con quei capelli fa cagare

Ma i brillanti scienziati americani non si fermano qui, come lo stesso Ross ha rivelato. Entro fine anno è atteso l’annuncio del primo embrione Morandi-Baglioni, su cui ancora si sta lavorando ma che già è stato ufficialmente incaricato della conduzione di Sanremo 2019. Si tratterà di un embrione in cui una sola cellula su 5000 sarà umana, mentre le altre saranno ricavate dal riciclo delle bottiglie di acqua minerale. Si tratterà del primo embrione prodotto in laboratorio che sarà in grado di duettare con se stesso, e grazie al quale sarà possibile ottenere grandi quantità di similpelle effetto nabuk – 85% pvc, 15% pes – per autotrapianto facciale. “Su richiesta di tanti telespettatori”, conclude Ross “questo embrione avrà ulteriori caratteristiche, che stiamo cercando di ottenere nonostante mille difficoltà: avrà mani enormi, e sarà muto”.

Il laboratorio della UC Davis University utilizzato per sintetizzare la mano sinistra di Morandi
Il laboratorio della UC Davis University utilizzato per sintetizzare la mano sinistra di Morandi

___________________________________________________________

SaTiroMancino è un contenitore di news di qualsiasi tipo palesemente alterate, modificate, inventate e ampiamente cucinate. Una community di cialtroni, in cui vige una falsa democrazia, e le decisioni vengono prese da ubriachi al termine di una rissa.

VIADario de Blasiis
CONDIVIDI
Articolo precedenteBologna, manifestazione antifascista finisce in tragedia: si  allunga il comizio di Forza Nuova
Articolo successivoDopo ENEL, ecco il FAO: i grassi non mangiati dalle tue amiche a dieta diventeranno adipe e cellulite sulle tue cosce
Dario de Blasiis
Barese, informatico, sovrappeso per indole e vocazione, chef e gourmet stimato e riconosciuto fra amici e parenti. Ha uytfujybaquattro anni, essendo nato nel ljhvouvhjvadue. È sposato, e gli piace credere di essere padre di due gemelli.

Inizia a scrivere cazzate al liceo, quando si scopre autore di gialli umoristici a episodi, la serie dell’ispettore Squash, con protagonisti la sua classe e i suoi professori. Inventa in questa sede lo stile Banksy: gli episodi compaiono infatti senza un segnale e senza preavviso alcuno sui diari dei suoi compagni, a loro insaputa; nel senso che li ruba, ci scrive su, e li rimette a posto. In breve la fama dei suoi gialli varca le mura della sua classe, e costringe i suoi compagni a inseguire il proprio diario per tutto l’istituto, e lui ad entrare un paio di volte a scuola dall'ingresso dei fornitori.

Prosegue la carriera alcuni anni dopo come autore del giornalino satirico militare del suo corso allievi ufficiali. Per lo spirito militaresco e per i valori di amor patrio e rispetto delle gerarchie che trasudano dai suoi scritti, il suo corso (il 131esimo, mica il terzo o il quarto) sarà ricordato con grande biasimo dai vertici militari come il primo nella storia della scuola a non aver pubblicato il giornalino. Su “cortese consiglio” del colonnello, naturalmente. Bugia, è qui davanti, nella sua libreria.

Negli anni a venire usa a più riprese la sua abilità di scrittore e la sua ironia ed arguzia come strumento sistematico per provarci con qualsiasi tipo di donna. Non funziona, sappiatelo. Un sacco di complimenti, un sacco di “ma perché non scrivi un libro”, e poi “scusa un attimo, ha citofonato l’idraulico e io sono ancora in accappatoio”. Però almeno ha il fascino dell’intellettuale.

Nel 2008 si è pubblicato da solo una specie di libro d racconti umoristici , “Una Grande Famiglia”, tuttora in commercio, al solo scopo di metterlo in libreria insieme ai libri degli scrittori veri e vedere l’effetto che fa. Fa ridere. Non il libro, l’effetto che fa. Ne ha vendute una quindicina di copie, una quindicina in più rispetto alle sue più rosee previsioni (http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/racconti/13381/una-grande-famiglia/).

Per il resto, si occupa di tecnologia, innovazione e startup. Questo non fa ridere, è vero, ma solo perché non lo avete visto al lavoro. SaTiroMancino è una delle cose più serie a cui si sia mai dedicato. Per dire.