Trump sul muro: “I Messicani potranno sceglierne il rivestimento”

Continua a sorprendere il Presidente Trump

987
Il muro tra USA e Messico
Il muro tra USA e Messico

Trump sul muro: “I Messicani potranno sceglierne il rivestimento”

“Confermo le mie affermazioni in campagna elettorale: il muro tra USA e il Messico sarà presto una realtà, ma noi Americani siamo magnanimi e benevoli: i nostri vicini potranno sceglierne il rivestimento”.

Il 45esimo Presidente degli Stati Uniti D’America – D. Trump – ha così affermato durante la sua ultima passeggiata, mentre con un drive scagliava palline da golf nascoste nella neve al di là del confine con Canada. “Li confonderanno con palle di neve… che bello scherzetto!”

A Tillerson, sottosegretario, che spiegava che non è questo ciò che si intende per “Guerra Fredda”, ha detto “Ah no? Meglio: ne ho inventata una nuova io; registriamone i diritti e realizziamo subito un format televisivo”

“Presidente, se mi dice anche il titolo… non ce l’abbiamo ora”

“Bene, ottimo titolo: ‘Non ce l’abbiamo ora’… si è proprio quello che voglio io, far capire agli Americani cosa non hanno ora… Tillerson amico mio… faremo grandi cose insieme e un giorno tutto questo sarà tuo”

I suoi impegni, tra un programma, un’intervista, un’acconciatura, rischiano di far slittare molti degli incontri ufficiali previsti con i capi di stato. Ma su di una cosa è stato chiaro:

“Non voglio che i Messicani mi vedano come un folle, ma voglio dare loro delle grandi opportunità. Lascerò a loro la scelta del rivestimento del muro su entrambe le facciate.”

“Così pensate di arginare la fuga?”, ha chiesto un giornalista a seguito…

“Mah, la fuga… ci sono ottimi prodotti collanti… la fuga basta che non sia grigia perché il grigio invecchia e noi siamo per i giovani”.

Nel frattempo, il popolo dei writers della California si ribella:”Quei chilometri quadrati di superficie erano stati promessi a noi”

C’è già aria di crisi in Nord America…

____________________________________________________________

SaTiroMancino è un contenitore di news di qualsiasi tipo palesemente alterate, modificate, inventate e ampiamente cucinate. Una community di cialtroni, in cui vige una falsa democrazia, e le decisioni vengono prese da ubriachi al termine di una rissa.