Svolta nella notte – È Hillary Clinton il nuovo allenatore dell’Inter

215
Hillary Inter
Hillary Inter

Svolta nella notte – È Hillary Clinton il nuovo allenatore dell’Inter

Era già tutto scritto. La proprietà cinese della seconda squadra di Milano cala la maschera e svela una manovra che in realtà era decisa da tempo. Sulla panchina dell’Inter nel derby di Milano, in programma fra poco più di una settimana, siederà Hillary Clinton, e non Stefano Pioli, diversivo abilmente creato dalla società per distrarre stampa e tifosi.

thohir

Il nuovo allenatore si inserisce in una strategia della nuova proprietà che vuole l’Inter dominare nell’immediato futuro in Italia, in Europa e nel mondo. La nuova allenatrice ha quindi vinto il tanto chiacchierato casting, che ha visto la dirigenza nerazzurra scegliere in una rosa di vincenti di sicuro affidamento, fra cui Pierluigi Bersani, David Cameron e Alex Schwazer.

curva inter

Già comunicato alla stampa quasi tutto lo staff del nuovo tecnico, al cui interno pare possa trovare posto a breve un coach che si dedicherà esclusivamente al bomber Mauro Icardi, lavorando in maniera specifica sui suoi ben noti bisogni e sulla sua preparazione fisica specifica, e per il quale si fa il nome di una vecchia conoscenza della Clinton: Monica Lewinsky.

 

____________________________________________________________

SaTiroMancino è un contenitore di news di qualsiasi tipo palesemente alterate, modificate, inventate e ampiamente cucinate. Una community di cialtroni, in cui vige una falsa democrazia, e le decisioni vengono prese da ubriachi al termine di una rissa.

VIADario de Blasiis
CONDIVIDI
Articolo precedenteA3 – la Salerno-Reggio Calabria completata. A Dicembre inizieremo la Reggio Calabria-Salerno
Articolo successivo2016, continua l’anno orribile: morto l’amico immaginario di Matteo Renzi
Dario de Blasiis
Barese, informatico, sovrappeso per indole e vocazione, chef e gourmet stimato e riconosciuto fra amici e parenti. Ha uytfujybaquattro anni, essendo nato nel ljhvouvhjvadue. È sposato, e gli piace credere di essere padre di due gemelli.

Inizia a scrivere cazzate al liceo, quando si scopre autore di gialli umoristici a episodi, la serie dell’ispettore Squash, con protagonisti la sua classe e i suoi professori. Inventa in questa sede lo stile Banksy: gli episodi compaiono infatti senza un segnale e senza preavviso alcuno sui diari dei suoi compagni, a loro insaputa; nel senso che li ruba, ci scrive su, e li rimette a posto. In breve la fama dei suoi gialli varca le mura della sua classe, e costringe i suoi compagni a inseguire il proprio diario per tutto l’istituto, e lui ad entrare un paio di volte a scuola dall'ingresso dei fornitori.

Prosegue la carriera alcuni anni dopo come autore del giornalino satirico militare del suo corso allievi ufficiali. Per lo spirito militaresco e per i valori di amor patrio e rispetto delle gerarchie che trasudano dai suoi scritti, il suo corso (il 131esimo, mica il terzo o il quarto) sarà ricordato con grande biasimo dai vertici militari come il primo nella storia della scuola a non aver pubblicato il giornalino. Su “cortese consiglio” del colonnello, naturalmente. Bugia, è qui davanti, nella sua libreria.

Negli anni a venire usa a più riprese la sua abilità di scrittore e la sua ironia ed arguzia come strumento sistematico per provarci con qualsiasi tipo di donna. Non funziona, sappiatelo. Un sacco di complimenti, un sacco di “ma perché non scrivi un libro”, e poi “scusa un attimo, ha citofonato l’idraulico e io sono ancora in accappatoio”. Però almeno ha il fascino dell’intellettuale.

Nel 2008 si è pubblicato da solo una specie di libro d racconti umoristici , “Una Grande Famiglia”, tuttora in commercio, al solo scopo di metterlo in libreria insieme ai libri degli scrittori veri e vedere l’effetto che fa. Fa ridere. Non il libro, l’effetto che fa. Ne ha vendute una quindicina di copie, una quindicina in più rispetto alle sue più rosee previsioni (http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/racconti/13381/una-grande-famiglia/).

Per il resto, si occupa di tecnologia, innovazione e startup. Questo non fa ridere, è vero, ma solo perché non lo avete visto al lavoro. SaTiroMancino è una delle cose più serie a cui si sia mai dedicato. Per dire.