Gli cade il caffè sulla tastiera, la pulisce senza staccarla dal computer. Ragioniere di Belluno si ritrova candidato premier per il M5s

1896
La coda a un seggio per le primarie del M5s
La coda a un seggio per le primarie del M5s

Gli cade il caffè sulla tastiera, la pulisce senza staccarla dal computer. Ragioniere di Belluno si ritrova candidato premier per il M5s

Per il ragionier Arturo Nosetti, di San Pietro di Cadore, sembrava una giornata di lavoro qualunque. Seduto alla sua scrivania presso lo studio di commercialisti associati “Innocenti Evasioni” di Belluno, era intento alle solite operazioni che da anni caratterizzano il suo lavoro: registrazione di fatture, distrazione di fondi, triangolazioni con assegni postdatati intestati a vittime della prima guerra mondiale, bonifici con motivazione “Regalo di matrimonio per zia Mariuccia” ai boss della ndrangheta a Milano… la solita routine. Ma l’imprevisto era dietro l’angolo, nelle vesti dell’ennesimo caffè della giornata, del collega spiritosone di turno, e dei suoi scherzi del menga. È bastato  un attimo, e il caffè gli si è interamente riversato sulla tastiera del computer. Il panico si è subito impossessato del Nosetti,  mentre la schermata del gestionale “Cabriolet 4.2”, top di gamma per la gestione degli assegni a vuoto, lampeggiava sul monitor con fare minaccioso. Subito la corsa in bagno e il ritorno alla postazione, con al seguito il rotolone di carta. Fra una shakerata alla tastiera e un passaggio di carta sui tasti, dopo qualche minuto la situazione si è per fortuna sistemata, e tutto ha ripreso a funzionare normalmente, in apparenza senza ulteriori conseguenze.

Grillo mentre gira il trailer del suo nuovo show TV "Te lo do io Palazzo Chigi", con Luigi Di Maio
Grillo mentre gira il trailer del suo nuovo show TV “Te lo do io Palazzo Chigi”, con Luigi Di Maio

Fino al giorno dopo, quando Grillo in persona gli ha telefonato per annunciargli la nomina a candidato premier per il Movimento 5 stelle, e per complimentarsi con lui. Il Nosetti ha timidamente spiegato l’accaduto, fornendo umilmente a Grillo una sua ipotesi sull’origine dei 3.450.876 voti a suo favore (98,8% delle preferenze) registrati sul server del movimento. Ha anche mandato al lider maximo un pdf della sua storica tessera del PCI, sezione “Gustavo Thoeni” di Sappada, e persino la tessera con le vaccinazioni, tutte regolarmente fatte. Ma davanti al diktat di Grillo – “la rete è sovrana” – ha dapprima abbozzato e infine accettato l’incarico. Luigi di Maio ha tentato di ripristinare i risultati della consultazione che lo vedevano inizialmente vincitore, con una dichiarazione che iniziava con “Ci terrei comunque a segnalare che…”, ma alla “i” di “Ci” era già stato espulso dal movimento.

La palese soddisfazione per la vittoria di Nosetti sul volto degli avversari
La palese soddisfazione per la vittoria di Nosetti sul volto degli avversari

Per il Nosetti inizia quindi la corsa a Palazzo Chigi. E iniziano anche le prime indiscrezioni sul programma: sostituzione delle due camere con un pianerottolo e un antibagno, Ius Soli limitato alla sola provincia di Isernia, Agenda Digitale solo in versione cartacea, introduzione dei Play Off e dei Play Out nella legge elettorale. Novità approvate con entusiasmo da Grillo, che ha trovato nelle proposte del Nosetti un significativo passo avanti rispetto alle idee di Di Maio.

___________________________________________________________

SaTiroMancino è un contenitore di news di qualsiasi tipo palesemente alterate, modificate, inventate e ampiamente cucinate. Una community di cialtroni, in cui vige una falsa democrazia, e le decisioni vengono prese da ubriachi al termine di una rissa.

VIADario de Blasiis
CONDIVIDI
Articolo precedenteRyanair e il nuovo piano per Alitalia: “Sarà una Compagnia per daltonici”
Articolo successivo“Eravamo in pausa, la TV era accesa, ed è comparso Gentiloni”. Google racconta com’è nata l’idea dell’auto senza conducente
Dario de Blasiis
Barese, informatico, sovrappeso per indole e vocazione, chef e gourmet stimato e riconosciuto fra amici e parenti. Ha uytfujybaquattro anni, essendo nato nel ljhvouvhjvadue. È sposato, e gli piace credere di essere padre di due gemelli.

Inizia a scrivere cazzate al liceo, quando si scopre autore di gialli umoristici a episodi, la serie dell’ispettore Squash, con protagonisti la sua classe e i suoi professori. Inventa in questa sede lo stile Banksy: gli episodi compaiono infatti senza un segnale e senza preavviso alcuno sui diari dei suoi compagni, a loro insaputa; nel senso che li ruba, ci scrive su, e li rimette a posto. In breve la fama dei suoi gialli varca le mura della sua classe, e costringe i suoi compagni a inseguire il proprio diario per tutto l’istituto, e lui ad entrare un paio di volte a scuola dall'ingresso dei fornitori.

Prosegue la carriera alcuni anni dopo come autore del giornalino satirico militare del suo corso allievi ufficiali. Per lo spirito militaresco e per i valori di amor patrio e rispetto delle gerarchie che trasudano dai suoi scritti, il suo corso (il 131esimo, mica il terzo o il quarto) sarà ricordato con grande biasimo dai vertici militari come il primo nella storia della scuola a non aver pubblicato il giornalino. Su “cortese consiglio” del colonnello, naturalmente. Bugia, è qui davanti, nella sua libreria.

Negli anni a venire usa a più riprese la sua abilità di scrittore e la sua ironia ed arguzia come strumento sistematico per provarci con qualsiasi tipo di donna. Non funziona, sappiatelo. Un sacco di complimenti, un sacco di “ma perché non scrivi un libro”, e poi “scusa un attimo, ha citofonato l’idraulico e io sono ancora in accappatoio”. Però almeno ha il fascino dell’intellettuale.

Nel 2008 si è pubblicato da solo una specie di libro d racconti umoristici , “Una Grande Famiglia”, tuttora in commercio, al solo scopo di metterlo in libreria insieme ai libri degli scrittori veri e vedere l’effetto che fa. Fa ridere. Non il libro, l’effetto che fa. Ne ha vendute una quindicina di copie, una quindicina in più rispetto alle sue più rosee previsioni (http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/racconti/13381/una-grande-famiglia/).

Per il resto, si occupa di tecnologia, innovazione e startup. Questo non fa ridere, è vero, ma solo perché non lo avete visto al lavoro. SaTiroMancino è una delle cose più serie a cui si sia mai dedicato. Per dire.