Miss Italia, terza Samira, senegalese. E la Lega sbotta: “Adesso basta, molestiamole, ma a casa loro”

280
Le concorrenti di Miss Italia, pesantemente cazziate dall'organizzazione a causa dei vestiti accollati
Le concorrenti di Miss Italia, pesantemente cazziate dall'organizzazione a causa dei vestiti accollati

Miss Italia, terza Samira, senegalese. E la Lega sbotta: “Adesso basta, molestiamole, ma a casa loro”

Jesolo, città della Lombardia, ha ospitato la 78esima edizione di Miss Italia, il concorso che proclama la bellezza italiana. Tantissime le aspiranti all’ambito titolo, che hanno partecipato alle varie selezioni. Solo 30 di loro sono però sopravvissute e giunte alla finale. Quest’anno si è voluto lanciare un messaggio a tutte le partecipanti ma anche ai telespettatori. Il concorso ha voluto premiare la poliedricità, l’ecletticità, la creatività, insomma qualsiasi cosa, purché finisca per  “ta’”.

Le ragazze hanno dovuto dimostrare perfino di essere intelligenti oltre che belle, e sfidarsi in varie prove di abilità (che infatti finisce con “tà”), come quella ai fornelli. Incuranti, fra l’altro, dall’alto dei loro tanga intrachiappali, della tristissima ironia sulla culinaria. Sdoganando il cliché  della donna relegata al solo ruolo di massaia, hanno mostrato tutte di essere donne capaci e multitasking, in grado di cucinare in costume da bagno e con il trucco perfetto, recitando se necessario la divina commedia.

Samira, la giovane rifugiata a Jesolo dopo il bombardamento di MIss Senegal da parte dell'Isis
Samira, la giovane rifugiata a Jesolo dopo il bombardamento di Miss Senegal da parte dell’Isis

Dopo una serie di prove davvero difficilissime, come camminare su tacchi vertiginosi senza sembrare di farlo schiacciando le uova, e dichiarare il proprio desiderio, quasi unanime di pace nel mondo e cuoricini qua e là, hanno infine dimostrato addirittura l’abilità rara nel farsi selfie in abbinamento con frasi di poeti e letterati, antichi e moderni, fra cui hanno dominato, come prevedibile, Charles Bukowski e Gigi d’Alessio.

Solo una è tuttavia, come sempre, la nuova miss Italia. E la sorpresa più grande si è avuta proprio durante la proclamazione. Le altre concorrenti, infatti, fingendo il tradizionale abbraccio di affetto e commozione, hanno tentato di strangolare tutte e tre le elette sul podio della manifestazione, nel panico generale. Dopo l’intervento della Sicurezza che ha riportato la calma sul palco, alcune si sono difese  sostenendo che  a scanso di equivoci tutte vogliono la pace nel mondo, ma quando hanno visto sul podio una che si chiama Arlanch, una che si chiama Codèn, e una senegalese, proprio lì, nel profondo della Lombardia, gli è salito il Borghezio alla testa e non ci hanno proprio visto più. La procura ora indaga. Le miss sono cadute al suolo prive di sensi, e ora hanno evidenti i segni sul collo dell’affetto delle colleghe. La serata si è quindi chiusa senza altri incidenti, con la tradizionale foto di Salvini al telefono, con le Miss sullo sfondo.

Salvini dal palco di Miss Italia chiama a raccolta i maschi italiani in difesa della razza: “Al Bar Sport fra mezzora”

___________________________________________________________

SaTiroMancino è un contenitore di news di qualsiasi tipo palesemente alterate, modificate, inventate e ampiamente cucinate. Una community di cialtroni, in cui vige una falsa democrazia, e le decisioni vengono prese da ubriachi al termine di una rissa.

 

VIACriss cri
CONDIVIDI
Articolo precedenteIn edicola “I maestri dell’inespressionismo”. Nel primo numero, Kimi Raikkonen
Articolo successivoRyanair e il nuovo piano per Alitalia: “Sarà una Compagnia per daltonici”
Criss Cri
Laureata in legge e masterizzata, nonostante le leggi contro la pirateria Qualcuno l'ha definita un concentrato di donna, probabilmente per il suo metro e cinquantasette Ama lo sport, infatti gioca a calcetto, nonostante non abbia mai compreso cosa sia il fuorigioco. Tanto a calcetto non serve Balla danze caraibiche da circa 10 anni e crede ancora di poter incontrare Patrick Swayze Ha un'associazione di monitoraggio civico e fa spesso l'intervistatrice, ruolo attribuitole dai soci per farla stare zitta, almeno ogni tanto In SaTiroMancino ricopre il ruolo di donna, che ha interpretato alla perfezione facendosi aspettare un sacco, perché non trovava le scarpe da abbinare alla borsa. Che poi nella foto nemmeno si vedono