È nata EasyCorn, la startup che ti ciula la fidanzata che vuoi lasciare ma non sai come fare

174
Baciami spontaneamente, bastardo

Ha solo pochi mesi di vita, ma non fa che ottenere successi e riconoscimenti, EasyCorn, la Startup fondata da un gruppo di giovani siciliani che hanno fatto della propria passione un’impresa di successo.

L’idea è di due studenti di Lingue dell’ateneo di Palermo. Per anni sono stati gli unici due studenti maschi del corso di laurea, la qual cosa gli ha permesso di perfezionare la conoscenza del prodotto di punta della loro Startup: ciularsi le fidanzate degli altri. I due, già da qualche tempo coltivavano questa passione, essendosi ciulati le fidanzate di tutti i loro (ormai ex) amici ai tempi del liceo. Nel corso della loro frequentazione universitaria, hanno quindi messo a punto il prototipo funzionante della loro idea imprenditoriale, che hanno avuto modo di testare sull’intero territorio siciliano. L’ateneo di Palermo è infatti frequentato da moltissime studentesse fuorisede, provenienti da tutte le province dell’isola.

Incomunicabilità di coppia

L’idea è semplice, ma a suo modo geniale, e sicuramente assai innovativa. Quanti uomini vogliono liberarsi della propria fidanzata, o moglie, ma non ne hanno il coraggio, o la forza, terrorizzati dalla reazione della malcapitata, o della suocera, e poi dagli insulti, dallo sputtanamento che ne consegue fra gli amici, eccetera eccetera? E allora, perché non far ricadere la colpa su di lei? Detto, fatto. In cambio di una fee nemmeno troppo esosa, gli uomini di EasyCorn circuiscono la sfortunata e la conquistano, forti del loro innegabile fascino. Sono poi loro stessi a girare al cervo volontario le foto del meeting intimo con la sventurata. Da qui in poi, sarà lavoro del cliente chiudere la pratica e andare a festeggiare con gli amici in birreria, fingendosi triste (scroccando così anche le birre agli amici).

Coppie a un bivio su un rettilineo

“Siamo sommersi dagli ordini”, ci svela il CEO della giovane Startup, un ragazzo alto e prestante con due occhiaie da Guinness dei primati. Che ci rivela anche un curioso particolare: “Il picco degli ordini è sempre la settimana prima di Natale. Oltre a questo, moltissime richieste riguardano azioni da compiere a ridosso del compleanno di lei, o comunque in tempo utile per risparmiare sul regalo”.

____________________________________________________________

SaTiroMancino è un contenitore di news di qualsiasi tipo palesemente alterate, modificate, inventate e ampiamente cucinate. Una community di cialtroni, in cui vige una falsa democrazia, e le decisioni vengono prese da ubriachi al termine di una rissa.

VIADario de Blasiis
CONDIVIDI
Articolo precedenteLe prime contrazioni, poi la corsa in ospedale: Natale 2016 anticipato al 21
Articolo successivoPapa Francesco: Gaviscon il nuovo Beato
Dario de Blasiis
Barese, informatico, sovrappeso per indole e vocazione, chef e gourmet stimato e riconosciuto fra amici e parenti. Ha uytfujybaquattro anni, essendo nato nel ljhvouvhjvadue. È sposato, e gli piace credere di essere padre di due gemelli.

Inizia a scrivere cazzate al liceo, quando si scopre autore di gialli umoristici a episodi, la serie dell’ispettore Squash, con protagonisti la sua classe e i suoi professori. Inventa in questa sede lo stile Banksy: gli episodi compaiono infatti senza un segnale e senza preavviso alcuno sui diari dei suoi compagni, a loro insaputa; nel senso che li ruba, ci scrive su, e li rimette a posto. In breve la fama dei suoi gialli varca le mura della sua classe, e costringe i suoi compagni a inseguire il proprio diario per tutto l’istituto, e lui ad entrare un paio di volte a scuola dall'ingresso dei fornitori.

Prosegue la carriera alcuni anni dopo come autore del giornalino satirico militare del suo corso allievi ufficiali. Per lo spirito militaresco e per i valori di amor patrio e rispetto delle gerarchie che trasudano dai suoi scritti, il suo corso (il 131esimo, mica il terzo o il quarto) sarà ricordato con grande biasimo dai vertici militari come il primo nella storia della scuola a non aver pubblicato il giornalino. Su “cortese consiglio” del colonnello, naturalmente. Bugia, è qui davanti, nella sua libreria.

Negli anni a venire usa a più riprese la sua abilità di scrittore e la sua ironia ed arguzia come strumento sistematico per provarci con qualsiasi tipo di donna. Non funziona, sappiatelo. Un sacco di complimenti, un sacco di “ma perché non scrivi un libro”, e poi “scusa un attimo, ha citofonato l’idraulico e io sono ancora in accappatoio”. Però almeno ha il fascino dell’intellettuale.

Nel 2008 si è pubblicato da solo una specie di libro d racconti umoristici , “Una Grande Famiglia”, tuttora in commercio, al solo scopo di metterlo in libreria insieme ai libri degli scrittori veri e vedere l’effetto che fa. Fa ridere. Non il libro, l’effetto che fa. Ne ha vendute una quindicina di copie, una quindicina in più rispetto alle sue più rosee previsioni (http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/racconti/13381/una-grande-famiglia/).

Per il resto, si occupa di tecnologia, innovazione e startup. Questo non fa ridere, è vero, ma solo perché non lo avete visto al lavoro. SaTiroMancino è una delle cose più serie a cui si sia mai dedicato. Per dire.