Calcio femminile – “Il fallo da dietro non sarà più da espulsione”

Arriva dopo gli ultimi rumors comunicazione ufficiale dalla FIFA

281
calcio-femminile-hope-solo

Arriva come un’entrata a gamba tesa la notizia pubblicata oggi sul sito della FIFA, anticipata da rumors delle ultime ore. Arriva per il calcio femminile, quasi a voler dare un’identità propria a questo sport che troppo subisce il confronto con quello maschile.

A scendere in campo a spada tratta è il presidente stesso della FIFA, accompagnato da due icone del mondo del pallone: i portieri Barbara e Hope Solo.

Dopo l’inattesa sconfitta della nazionale brasiliana alle recenti Olimpiadi di Rio, penalizzata a detta degli esperti dalle recenti modifiche al regolamento, il presidente della FIFA, Infantino, ha infatti affermato: “Abbiamo appurato come la naturelezza di un gesto come il fallo da dietro non possa essere più considerato da espulsione. Non solo non c’è violenza, semmai trasporto e nel calcio femminile, tra l’altro, pare anche piuttosto frequente, apprezzato e ricercato”.

Il ricorso a tale gesto tecnico, infatti, è frequente nella nazionale brasiliana che si è sentita fortemente depenalizzata dall’impossibilità di applicare uno dei suoi schemi più frequenti.

“E’ vero che a noi piace, ma credo che tutto il calcio ne possa trarre vantaggio” – afferma soddisfatta Barbara, portierone pluritatuato della nazionale Verdeoro.
“E lo dice chi di falli da dietro ne prende pochi”.
Anche l’affascinante, giunonica e carismatica Hope Solo, portiere degli USA, non è da meno, salutando la sala stampa con un laconico ed essenziale “finalmente! Sarà una goduria!” Come al solito è di poche parole ma molti fatti.

Grande soddisfazione, in generale, fra molte atlete del Nord America e del Nord Europa. Un po’ più scettiche quelle italiane e spagnole ma, si sa, per loro è soprattutto una questione di facciata. “Si apriranno nuove strade” è il commento più frequente.

“Inammissibile” – afferma invece il presidente Kazi Salahuddin del Saudi Arabian Football Federation – “allora diamo a tutti la possibilità di prendere le palle con le mani!”

Si vedrà: per ora la sperimentazione sarà riservata ai soli membri dei campionati del continente americano.

Infantino spiega: “vogliamo che questa volta la penetrazione della nuova regola sia capillare e indolore: procederemo un passo alla volta”.

Sarà una vera rivoluzione? Si vedrà: c’è però da fare i conti con chi ha speso molti soldi perché la moviola in campo fosse di reale interesse.