D’Alema: “Farò io la nuova sinistra”. L’annuncio su MySpace

361
Massimo D'Alema, attualmente sicuramente segretario o presidente di qualcosa
Massimo D'Alema, attualmente sicuramente segretario o presidente di qualcosa

D’Alema: “Farò io la nuova sinistra”. L’annuncio su MySpace

Folla delle grandi occasioni alla conferenza stampa convocata da Massimo D’Alema presso la casa del popolo di Forlì, dove alla presenza del segretario della locale sezione “Addavenì baffone” del PCI, del segretario provinciale del MLS e di una rappresentanza sindacale delle mondine del delta del Po, il mitico baffetto della politica Italiana ha annunciato la sua intenzione di farsi promotore del nuovo movimento di riferimento che aggregherà l’intera sinistra italiana, dai comintern locali sino al soviet supremo romano.

La casa del Popolo, sede della conferenza stampa
La Casa del Popolo, sede della conferenza stampa

La campagna di promozione è già partita. Subito dopo l’annuncio, dato nelle scorse ore su MySpace, il programma del movimento è già stato reso pubblico, e può essere liberamente scaricato su internet, con Napster o con WinMX. L’iniziativa ha anche un sito web, www.lanuovasinistradidestrapiuasinistradelladestra.it., per ora ottimizzato soltanto per il Gopher. Ma, a quanto trapela, sarebbe quasi pronta e di imminente pubblicazione la release ottimizzata per Netscape. Infine, la massiccia presenza sui social: sarebbe infatti proprio D’Alema il misterioso Paperoga49 che imperversa ultimamente su ICQ.

L'ultima campagna di comunicazione di MySpace
L’ultima campagna di comunicazione di MySpace

Insieme alla promozione, partito anche il reclutamento presso la base. Più di 50.000 fax sono già partiti, e si prevede di continuare su questa strada per le prossime settimane, non appena sarà cambiato il toner, attualmente esaurito. Infine, i primi nomi di spicco che affiancheranno D’Alema in questa avventura. Bocche cucite, naturalmente, ma per le posizioni di vertice della nascente organizzazione si parla già con una certa insistenza, e senza smentite, di Claudio Martelli, Gianni De Michelis e  Sandra Milo.

____________________________________________________________

SaTiroMancino è un contenitore di news di qualsiasi tipo palesemente alterate, modificate, inventate e ampiamente cucinate. Una community di cialtroni, in cui vige una falsa democrazia, e le decisioni vengono prese da ubriachi al termine di una rissa.

VIADario de Blasiis
CONDIVIDI
Articolo precedentePronto l’erede del Galaxy Note 7. Samsung presenta il nuovo S8 “Allah Akbar”
Articolo successivoISIS: nuovi posti di lavoro, 50 stragisti e 20 contratti di Prendi Stato
Dario de Blasiis
Barese, informatico, sovrappeso per indole e vocazione, chef e gourmet stimato e riconosciuto fra amici e parenti. Ha uytfujybaquattro anni, essendo nato nel ljhvouvhjvadue. È sposato, e gli piace credere di essere padre di due gemelli.

Inizia a scrivere cazzate al liceo, quando si scopre autore di gialli umoristici a episodi, la serie dell’ispettore Squash, con protagonisti la sua classe e i suoi professori. Inventa in questa sede lo stile Banksy: gli episodi compaiono infatti senza un segnale e senza preavviso alcuno sui diari dei suoi compagni, a loro insaputa; nel senso che li ruba, ci scrive su, e li rimette a posto. In breve la fama dei suoi gialli varca le mura della sua classe, e costringe i suoi compagni a inseguire il proprio diario per tutto l’istituto, e lui ad entrare un paio di volte a scuola dall'ingresso dei fornitori.

Prosegue la carriera alcuni anni dopo come autore del giornalino satirico militare del suo corso allievi ufficiali. Per lo spirito militaresco e per i valori di amor patrio e rispetto delle gerarchie che trasudano dai suoi scritti, il suo corso (il 131esimo, mica il terzo o il quarto) sarà ricordato con grande biasimo dai vertici militari come il primo nella storia della scuola a non aver pubblicato il giornalino. Su “cortese consiglio” del colonnello, naturalmente. Bugia, è qui davanti, nella sua libreria.

Negli anni a venire usa a più riprese la sua abilità di scrittore e la sua ironia ed arguzia come strumento sistematico per provarci con qualsiasi tipo di donna. Non funziona, sappiatelo. Un sacco di complimenti, un sacco di “ma perché non scrivi un libro”, e poi “scusa un attimo, ha citofonato l’idraulico e io sono ancora in accappatoio”. Però almeno ha il fascino dell’intellettuale.

Nel 2008 si è pubblicato da solo una specie di libro d racconti umoristici , “Una Grande Famiglia”, tuttora in commercio, al solo scopo di metterlo in libreria insieme ai libri degli scrittori veri e vedere l’effetto che fa. Fa ridere. Non il libro, l’effetto che fa. Ne ha vendute una quindicina di copie, una quindicina in più rispetto alle sue più rosee previsioni (http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/racconti/13381/una-grande-famiglia/).

Per il resto, si occupa di tecnologia, innovazione e startup. Questo non fa ridere, è vero, ma solo perché non lo avete visto al lavoro. SaTiroMancino è una delle cose più serie a cui si sia mai dedicato. Per dire.